MEDIA ROOM

events

EVENTI

Visita la sezione eventi del nostro sito per rimanere aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter!



Archivio News

Tags: e-government

UN NUOVO TRAGUARDO NEL PERCORSO DELL’AGENDA DIGITALE ITALIANA: LO SPID SEMPLIFICA LA VITA REALE DEI CITTADINI

Regione Toscana arriva puntuale con TAS all’appuntamento del 15 marzo, partenza live del Sistema Pubblico di Identità Digitale progettata dall’AgID, adattando il layer di autenticazione dell’infrastruttura IRIS per il pagamento on-line delle posizioni debitorie dei cittadini. Gli utenti di IRIS possono da ora utilizzare le credenziali dell’Identità Digitale SPID in alternativa alla CNS per accedere a tutti i servizi veicolati dalla Regione (pagamento bolli, prestazioni sanitarie, fascicoli Inps, posizioni tributarie e iscrizioni scolastiche, ecc.). L’identità digitale è pensata per essere utilizzata senza nessun hardware aggiuntivo: è più semplice ed immediata per il cittadino.

L’obiettivo dichiarato dall’AgID è attivare 6 milioni di identità digitali uniche (tre milioni già esistenti e tre milioni nuove) entro la fine del 2016.

La password unica consentirà di accedere da subito a circa trecento servizi erogati dalle amministrazioni già aperte a SPID, ossia l’Agenzia delle Entrate, Inps, Inail, alcune regioni (Piemonte, Liguria, Toscana, Umbria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia e Lazio) e tre città (Firenze, Venezia e Lecce). Determinante sarà l’adozione da parte di grandi comuni e l’adozione per l’accesso al fascicolo sanitario.

Dopo questo primo battesimo, occorrerà lavorare al coordinamento europeo dell’identità digitale per l’accettazione dello SPID anche da parte delle Amministrazioni Pubbliche di altri Stati Membri; allo stesso modo le nostre PA dovranno accettare le altre identità digitali europee.

A livello di servizi “privati” inoltre (in Italia e in ambito europeo più in generale) ci si deve aspettare di veder nascere identità digitali che daranno accesso a un maggior numero di servizi rispetto ad altre. Si pensi ad esempio ai servizi bancari o assicurativi, i quali non accetteranno per l’accesso identità digitali rilasciate in carenza di specifici requisiti di sicurezza.