MEDIA ROOM

Archivio News

Iscriviti alla nostra newsletter!



TORNA ALL'ELENCO DELLE NEWS
07 NOVEMBRE 2016
Tags: governance

NASCE OWL SPA UNA NUOVA HOLDING INTERNAZIONALE, TRA PASSATO E PRESENTE PER AFFRONTARE LE SFIDE DI UN FUTURO DI GRANDI CAMBIAMENTI.

Milano 7 novembre 2016 - L’Assemblea dei Soci di TASNCH Holding SpA, riunitasi il 12 ottobre scorso sotto la presidenza del Dott. Dario Pardi, ha modificato la propria denominazione sociale in OWL SpA.

Alla società, controllata indirettamente da Dario Pardi e Valentino Bravi e da alcuni rilevanti investitori italiani, fa capo l’87,55% del capitale sociale di TAS SpA, la realtà ICT leader in Italia nella fornitura di soluzioni e servizi specialistici per la gestione dei sistemi di pagamento, della monetica e dei mercati finanziari, di cui Pardi e Bravi sono rispettivamente Presidente e Amministratore Delegato.

Il cambio di denominazione sociale di TASNCH Holding SpA – ha commentato il Presidente Dario Pardi – segue la recente operazione di ricapitalizzazione e riorganizzazione della controllata TAS Group e risponde all’esigenza di forte rilancio del Gruppo. Una nuova denominazione che vuole rispecchiare una realtà rinnovata che punta a nuovi mercati ed aree geografiche, con una solida base imprenditoriale fatta di know how e tecnologia di proprietà”.

La scelta del nuovo nome OWL si rifà ad una molteplicità di valori storici ed attuali che sono alla base della strategia di sviluppo aziendale: profonde radici nel mondo dei pagamenti, capacità di vedere ed anticipare l’evoluzione di mercato tramite innovazione e sperimentazione, mantenendo nel contempo uno stretto legame con la propria storia e la consapevolezza della visione d’insieme, multiculturalità e ambizione internazionale sempre più marcata.

OWL (civetta in lingua inglese) si ispira infatti alla riproduzione della civetta di Minerva sulle antiche tetradracme ateniesi del V secolo a.C., e figura tutt’oggi nelle monete greche da 1 euro. 

Questo nobile animale, noto anche per la propria capacità di vedere al buio, ben rappresenta dunque la propensione della rinnovata governance di intraprendere un percorso imprenditoriale innovativo, offrendo soluzioni nuove, non ancora presenti sul mercato, e pensate per un mercato che cambia. 

Entrando più nello specifico, OWL indirizzerà il futuro dell’intera TAS Group basandosi su 3 pillar prioritari:

1. Internazionalizzazione, ovvero crescita del portafoglio estero grazie ad una organizzazione da “nuova start-up con 30 anni di storia”;

2. Digital Software Factory, ossia focalizzazione assoluta sulla qualità del Software e soprattutto sull’impiego di tecnologie abilitanti la trasformazione digitale in atto;

3. Allargamento dell’offerta oltre l’ambito di competenza tradizionale, ossia l’ecosistema finanziario, per dare risposte a mercati sinora indirizzati solo marginalmente dal Gruppo, come quello Corporate, divenuto ora strategico grazie alle spinte dei regolatori europei ed extra-europei orientate ad abbattere vincoli di mercato per liberare competitività virtuosa a beneficio degli utilizzatori finali.

Siamo orgogliosi del nostro passato e dello specifico know how nel campo della gestione dei sistemi di pagamento, della monetica e dei mercati finanziari, ottenuto grazie a oltre 30 anni di storia e di collaborazioni con le principali aziende del settore. Un’esperienza che troverà espressione nel nome TAS Group riconfermato al centro del nostro nuovo logo, coniugandosi con l’appartenenza ai simboli introdotti con OWL, graficamente ispirati alla prima moneta della storia. Immagine che esprime molto bene la nostra situazione: una tra le più innovative Fintech Company a livello mondiale costruita su solide basi di competenza” ha commentato Valentino Bravi Amministratore Delegato di TAS Group.

Le singole società appartenenti a TAS Group, quali TAS SpA, quotata alla Borsa Italiana dal 2000, e le sue subsidiary estere, manterranno il loro nome, ma la loro appartenenza societaria verrà resa esplicita nel nuovo logo attraverso la definizione di “an owl company”. 

 

 Scarica il comunicato stampa