TORNA ALL'ELENCO DELLE NEWS
09 SETTEMBRE 2020
Tags: TAS Group

TAS risponde alla consultazione di ESMA sull'outsourcing ai Cloud Service Providers

TAS ha recentemente contribuito alla consultazione dell'ESMA - European Securities and Markets Authority – sulle linee guida nelle attività di outsourcing a fornitori di servizi cloud, offrendo preziose raccomandazioni sui requisiti chiave per gli operatori dei mercati finanziari.

Il contributo di TAS è stato fornito in risposta alla consultazione pubblica della durata di tre mesi indetta dall'ESMA a giugno scorso, e verrà reso presto disponibile sul sito del regolatore assieme agli altri contributi pervenuti.

In TAS monitoriamo continuamente le linee guida normative e le best practice del settore per migliorare le nostre capacità di offrire soluzioni sia in modalità SaaS che Cloud. Siamo quindi orgogliosi di affermare che rispettiamo pienamente le linee guida dell'ESMA per tutte le nostre offerte di outsourcing.

Inoltre, rivolgendoci talvolta anche noi ad outsourcer terzi per determinate attività, sappiamo esattamente quanto sia importante mitigare rischi e mantenere la piena governance sui processi esternalizzati.

Per i nostri clienti TAS nel ruolo di outsourcer è garanzia di una corretta focalizzazione sul business unita ad una profonda competenza di dominio, poichè abbiamo sviluppato noi stessi il software che offriamo “a servizio”!

Di seguito ricordiamo alcune delle proposte TAS di natura SaaS/Cloud più adottate dalla comunità finanziaria:

PAG€ - il modo più conveniente per connettersi a ESMIG

TAS SWIFT Service Bureau – la connettività che va oltre il puro accesso alla rete 

TAS 3DS Access Control Server (ACS): l’autenticazione sicura per gli acquirenti dell'e- & m-commerce

Hosting / Housing / Cloud @ TAS France 

Con oltre 35 anni di esperienza in soluzioni software per la moneta elettronica, i pagamenti e i mercati finanziari e svolgendo un ruolo attivo nelle evoluzioni delle infrastrutture di mercato mission critical dell’Eurosistema, riteniamo di avere la responsabilità, e siamo felici di farlo, di condividere la nostra esperienza e le nostre opinioni con la Comunità finanziaria europea.